slow sail
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti attivi
» quando cambiare le sartie
alberi in carbonio in CRISI Icon_minitimeMer Ott 12, 2016 9:23 am Da Lo Zingaro

» salve a tutti
alberi in carbonio in CRISI Icon_minitimeMer Ott 12, 2016 9:21 am Da Lo Zingaro

» presentazione
alberi in carbonio in CRISI Icon_minitimeSab Gen 31, 2015 4:27 pm Da Lo Zingaro

» ---------------ciao----
alberi in carbonio in CRISI Icon_minitimeGio Apr 17, 2014 9:49 am Da Lo Zingaro

» vendo Swan 57 cc 1999
alberi in carbonio in CRISI Icon_minitimeMer Dic 18, 2013 8:06 am Da Marechiaro

» Binocolo steiner commander 7x50 race
alberi in carbonio in CRISI Icon_minitimeSab Dic 14, 2013 4:33 pm Da squizzy

» Salve a tutti, ho le idee ingarbugliate.
alberi in carbonio in CRISI Icon_minitimeMer Nov 27, 2013 10:37 am Da Lo Zingaro

» bussola alpa 42 ketch
alberi in carbonio in CRISI Icon_minitimeMer Apr 10, 2013 10:07 am Da giovanni calabrese

» POLYSIL - NANOPROM : PRODOTTO MESSO IN POSA
alberi in carbonio in CRISI Icon_minitimeVen Mar 29, 2013 6:59 pm Da Falleti Gian Luca

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 



alberi in carbonio in CRISI

2 partecipanti

Andare in basso

alberi in carbonio in CRISI Empty alberi in carbonio in CRISI

Messaggio Da bifrak Lun Nov 28, 2011 11:31 am

ESTRATTO DA UN ARTICOLO DEL GIORNALE DELLA VELA!

Se costruissero un ponte o un grattacielo come hanno fatto con gli alberi di Puma e Abu Dhabi, crollerebbero al primo alito di vento. Così afferma un esperto, che vuole restare anonimo, spiegando in parole povere perché gli ultrasofisticati e costosissimi alberi in carbonio dei due VOR 70 si sono sbriciolati come grissini.

Si, gli alberi delle barche a vela, si possono rompere. Anche quelli ultrasofisticati delle superbarche da regata oceanica come quelli dei VO 70, gli ultratecnologici e costosissimi bolidi velici che stanno partecipando alla Volvo Ocean Race 2011/2012. Soprattutto loro, quelli in resistentissimo carbonio. Il disalberamento di ben due delle sei barche in gara nella Volvo Race ha destato scalpore e preoccupazione tra gli addetti ai lavori, i cosiddetti rigger, cioè coloro che si occupano dell'attrezzatura velica. Gli alberi di Abu Dhabi e Puma sono caduti, come grissini, in tre pezzi mentre navigavano in condizioni non estreme ed erano prodotti da due differenti produttori. Il vento in entrambi i casi era sui 25/30 nodi con onda sui 3 metri, situazioni normali per scafi preparati per resistere senza danni a un giro del mondo di nove mesi in mare percorrendo 39.000 miglia, tante sono quelle del percorso della Volvo Ocean Race 2011/2012.

Una cosa sembra certa, malgrado le dichiarazioni di convenienza, i due alberi sono caduti senza che ci sia stata alcuna rottura di sartiame, crocette, arridatoi, attacchi delle lande e di stralli. E sono proprio una di queste rotture che di solito causano il disalberamento. Sino ad ora. Ma adesso non è più così. Perché? Nessun esperto ve lo confermerà, ma la causa probabile delle rotture degli alberi di Puma e Abu Dhabi è l'eccessiva rigidità del complesso albero/sartiame/scafo. Tutto è in carbonio - sartie comprese ? materiale rigidissimo e inestensibile. Non c'è nell'attrezzatura velica nessuna elasticità, ottimo per le prestazioni, ma non c'è neppure nessuna conseguente possibilità di scaricare il temporaneo sovraccarico delle forze in gioco. Ad esempio, quando una barca cade male da un'onda e prende una gran botta che si ripercuote su tutta la barca e soprattutto sul complesso albero/sartiame/scafo. Eppure, lo scarico delle forze in sovraccarico sulle attrezzature deve avvenire, altrimenti è certo che alla fine qualcosa cede e si rompe. Paradossalmente, nel caso di queste barche "tutto carbonio" è troppo resistente perché tutto è troppo rigido. Chiedete ad un progettista di un ponte o di un grattacielo se non prevedesse uno scarico del temporaneo sovraccarico di forze sulle strutture causato, ad esempio, dal vento. "Crollerebbe tutto" vi direbbe.


Ultima modifica di bifrak il Lun Nov 28, 2011 11:33 am - modificato 1 volta.
bifrak
bifrak
Admin
Admin

Messaggi : 2531
Data d'iscrizione : 14.03.10
Età : 66
Località : Lugo e Marina di Ravenna

Torna in alto Andare in basso

alberi in carbonio in CRISI Empty Re: alberi in carbonio in CRISI

Messaggio Da bifrak Lun Nov 28, 2011 11:32 am

Forse nella corsa alla massima leggerezza e rigidità di una barca in nome del raggiungimento di prestazioni al limite, i progettisti dell'attrezzatura velica si sono dimenticati che il timoniere può anche prendere male un'onda. E non è possibile che la conseguente "botta" possa far cadere un albero ultrasofisticato sul quale si concentrano tutti i sovraccarichi che non si sono scaricati da nessuna parte.
Di certo con sartiame del buon vecchio acciaio, più pesante e più elastico, gli alberi di Puma e Abu Dhabi non sarebbero caduti. Anche se pesa qualche chilo in più.

Un rigger pentito
bifrak
bifrak
Admin
Admin

Messaggi : 2531
Data d'iscrizione : 14.03.10
Età : 66
Località : Lugo e Marina di Ravenna

Torna in alto Andare in basso

alberi in carbonio in CRISI Empty Re: alberi in carbonio in CRISI

Messaggio Da sergio yuk Lun Nov 28, 2011 12:05 pm

ma anche il buon vecchio e affidabile alluminio degli alberi
sergio yuk
sergio yuk
Slowsailor di 1° classe
Slowsailor di 1° classe

Messaggi : 1414
Data d'iscrizione : 23.12.10
Età : 54

Torna in alto Andare in basso

alberi in carbonio in CRISI Empty Re: alberi in carbonio in CRISI

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.